Betty BAPE: lo streetwear incontra i cartoon

bettyboopx-bathin-ape-betty-bape1

Il brand streetwear giapponese A Bathing Ape è uno dei nostri esempi preferiti per dimostrare come i valori presi in prestito dall’esterno tramite le “collaboration” contribuiscano non solo a creare velocemente popolarità e rilevanza, ma soprattutto possano orientare i brand ospitanti verso nuove comunità di consumo o nuovi target.

A Bathing Ape, o BAPE, come viene generalmente definito, è emerso dalla scena delle label giapponesi nate nello stesso periodo proprio grazie alla sua notevole frequenza e diversità delle collaborazioni a cui si è sottoposto. Che includono brand come G-Shock, Carhart ma anche Pepsi e Coca Cola, artisti come Futura o Pharrell, ma anche gli immancabili personaggi Disney e Marvel.

Per rimanere in tema “character”, ecco l’ultima collaborazione, nata con il preciso intento di celebrare il target femminile con Betty Bopp, femme fatale iconica, reinterpretata (neanche troppo) per l’occasione, e rinominata BETTY BAPE.

A Bathing Ape ha lanciato infatti il 7 ottobre una collezione completa composta da t-shirt, felpe, blazer, abiti, accessori, gioielli, e disponibile presso gli store BAPE in Giappone, Asia, New York, Los Angeles e Londra, a partire dal 7 ottobre.

Il tocco BAPE riesce anche a creare un’aura nuova, street e contemporanea,sul personaggio Betty Boop, motivo principale, insieme alla comunicazione che queste collaborazioni generano, per cui i licensor entertainment cercano ardentemente la via per moltiplicare queste partnership.