Essent’ial: collaborazioni tra design e salute

bianchi2

Il brand eco-chic Essent’ial, nasce nel 2006 con l’intento di unire design e attenzione al mondo eco- sostenibile, attraverso l’utilizzo di materiali naturali e materie riciclate come cartone, carta e cartone riciclati e certificati FSC, fibra di cellulosa e cuoio rigenerato.

In dieci anni di attività, questo originale brand ha creato anche importanti sinergie per la realizzazione delle proprie linee proponendo delle capsule collection in collaborazione con noti designer tra cui Matteo Ragni, Diego Grandi, Paola Navone e con K-Lab, laboratorio diversamente creativo, che sviluppa progetti di comunicazione e design di alto profilo, attraverso le capacità inaspettate di ragazzi diversamente abili.

In occasione dell’appena trascorsa edizione di Homi, Essent’ial ha presentato alcune interessanti novità tra cui la collezione di complementi d’arredo ‘TAAC’ disegnata da Matteo Ragni e il set del benessere ideato da Marco Bianchi – divulgatore scientifico della fondazione Umberto Veronesi – e SKAKO.

Un progetto che promuove il concetto di food consapevole attraverso la partnership con il divulgatore scientifico, noto per i suoi libri e per le sue apparizioni televisive come cuoco promotore di un’alimentazione sana e corretta, ma non per questo meno gustosa ed appagante, come punto di partenza nella prevenzione dei tumori. La collezione è composta da: “tovaglietta piramide” che riporta gli ingredienti che mai devono mancare nel nostro menu, il “tagliere delle porzioni” ricorda che sono 5 le porzioni del vasto mondo ortofrutticolo da consumare in una giornata variando tra i 5 colori della salute (rosso, verde, bianco, viola, arancione), il classico sacchino porta-pane (integrale) che diventa anche un “porta-aromi freschi” da tavola ed infine un grembiule ed un quaderno per gli “appunti di gusto e salute” nel quale annotare e attingere informazioni utili per migliorare il proprio stile di vita.

Una collezione e una collaborazione davvero interessante che supporta non solo la salute dell’ambiente ma anche la salute delle persone che lo abitano.