hms-next-designer-collab-is-kenzo01

Il mese scorso la nostra selezione mensile di co-branding e collaborations iniziava con la falsa notizia di H&M con Zuckerberg, vera e propria innovazione nell’innovazione per le strategie di branding. La selezione del mese di maggio è molto simile, apre sempre con H&M, ed una nutrita serie di limited edition e di collaborations tra il serio e il meno serio se non faceto.

Iniziamo quindi con H&M, questa volta con la vera notizia dell’imminente collezione H&M by Kenzo firmata dai due creativi della maison Carol Lim e Huberto Leon, prossima limited edition in partnership con il mondo fashion del retailer svedese. “Se quella di Balmain era glamour e sexy, questa linesa sarà forte, giovane e divertente” ha dichiarato Ann-Sofie Johansson, creative advisor di H&M. “Le collaborazioni provocano conversazioni” ha aggiunto Leon, e non potremmo essere più d’accordo.

L’eco della precedente “Balmainia” con H&M è ancora nell’aria, e le quotazioni del direttore creativo Balmain Olivier Rousteing salgono, grazie a NikeLab x Olivier Rousteing: Football Nouveau, una lucente capsule sport-luxe. La scelta di Nike dello stilista francese (senza Balmain) come punta per la sua campagna Euro 2016 è un primo goal per la stagione ultra competitiva nel mercato sneaker. Ma torniamo su Nike e adidas più avanti in questo articolo.

olivier-rousteing-nike

Nel mondo del fashion, il designer inglese Christopher Raeburn debutta con MCM con una capsule collection da viaggio sostenibile e eco-friendly. Dal mondo del travel viene anche la line extension di Moleskine con Bric’s di cui abbiamo già parlato, mentre il brand Globe-Trotter celebra il novantesimo compleanno della Regina Elisabetta con una collezione speciale incentrata sull’eccellenza della manifattura inglese che supporta il fondo Queen Elizabeth Scholarship Trust.

Anche Tumi è attivo con le collaborazioni, e presenta una collezione tutta al femminile creata in partnership con la modella e illustratrice (nonché nipote di Hemingway) Langley Fox. Con spirito altrettanto alternativo, REDValentino scommette su una capsule collection caratterizzata dalle illustrazioni surreali di Kukula, artista israeliana.

Kukula RED Valentino

Anche il versante artistico presenta una notevole vitalità con un gran numero di collaborazioni. Oltre a Nixon x Steve Harrington riportato qualche giorno fa, Casio ha annunciato la limited edition G-SHOCK con Futura, pioniere dei graffiti newyorchese. Jean-Michel Basquiat raggiunge il record d’asta con un’opera battuta a 57 milioni di dollari, proprio mentre due sue collaborazioni in licenza venivano lanciate, con la label di abbigliamento giapponese Monkey Time e Etnia BCN, marchio eyewear spagnolo. Sembra proprio che nel mondo del licensing d’arte Basquiat stia emergendo, uscendo dall’ombra di Keith Haring.

A proposito di Haring, un altro progetto street interessante + quello mixato da Akomplice con il fotografo Ricky Powell e l’artista David Flores. Un risultato interessante per il valore iconografico, ed un caso per i tecnici legali di licensing: esercizio di stile sul tema “diritto di personalità”.

Akomplice Ricky Powell David Flores

Bell’esercizio è pure quello di Google, che solo nel mercato USA lancia la Jeff Koons Live Case nella gamma dei telefoni Nexus. Una vera e propria limited edition artistica, che utilizza in esclusiva le creazioni di Jeff Koons, e offre ai fan una piccola opera d’arte all’incredibile prezzo di 40 dollari (che possa convincere il pubblico a migrare da un iPhone ad un Nexus è però un altro tema).

Il resto del mondo tecnologico è stato molto prolifico nel mese di maggio. In cima alla classifica delle nostre preferenze troviamo il giubbino Levi’s Commuter Trucker, risultato di un anno di ricerche insieme al team di innovazione di Google. Altri progetti vedono la tecnologia convergere con altri business, con sviluppi che potranno rendesi evidenti in futuro. Un esempio è l’acquisto da parte di Fitbit della piattaforma di pagamento mobile Coin, un altro la partnership tra Live Nation e NextVR che renderà presto fruibili concerti in realtà virtuale in streaming . Toyota e Volkswagen annunciano quasi in contemporanea i propri investimenti nel mercato del ride-sharing, la prima con Uber, la seconda con l’app Gett. Samsung presenta un’idea che si adatta perfettamente al prossimo evento olimpico, come ha già fatto Puma.

Altri progetti presentati nel mese che potremmo archiviare nella sezione “Il licensing esagera” includono la Fragrance Case di Scuderia Ferrari, la Cuvée Roger Daltrey e l’Adventure Cocktail Set di Stanley. Mentre Pharrell Williams diventa un action figure dai dettagli accuratissimi, una divertente replica Bearbrick di Steve Aoki gli fa da controcanto.

Non possiamo non avere un occhio di riguardo nel mese di maggio per Star Wars ed il suo May the Fourth, con il solito panorama di prodotti che spaziano dal cool (le nuove limited edition Light Side di Nixon) al dubbio gusto; ma in quest’area nebulosa da super fan, ci sentiamo obbligati a riconoscere una menzione d’onore al maglione + maschera da sci, tributo a Alien Day (e no?) di Middle of Beyond.

alienmiddleofbeyond

Se da un lato questi ultimi casi aggiungono un tocco di follia alla nostra carrellata, è evidente come le “collaborations” siano diventate tanto creative quanto efficaci, e contribuiscano a creare – soprattutto nel mercato delle sneaker, dove sono nate – un mercato nel mercato.

E quando qualche giorno fa sono emerse dal web le immagini di una limited edition Nike SB Dunk Low, perfettamente coordinate con i colori Starbucks e mostrate con tanto di cup Starbuck, i commenti su una collaborazione così bizzarra si sono sprecati.

Nike Starbucks

Per poi capire che non c’era nessuna collaborazione, esattamente come non c’era nessuna relazione tra le sneaker tematizzate pizza e Pizza Hut. Ma se nello stesso periodo Nike costruisce una brillante campagna NBA con il marchio di donut Krispy Kreme, e adidas rilancia le sue World Cup Coca Cola del 2002, è naturale che i professionisti di marketing e comunicazione, ed i fan siano portati a credere a qualsiasi progetto.

Il sarcasmo del commento su Hypebeast “Splendido, ma aspetto la prossima collab “Kraft Macaroni and Cheese x RayBan Wayfarer” è quindi giustificato. E ci dà qualche suggerimento per le nostre prossime selezioni di cobranding nei mesi a venire…rimanete collegati.