In occasione delle feste dell’ultimo dell’anno, il brand di birre spagnolo Estrella Galicia ha lanciato un’interessante attivazione con Berlino, spin-off de La Casa di Carta da poco disponibile su Netflix.

Il rapporto commerciale tra Estrella Galicia e La Casa di Carta è di lunga data, visto che sin dalla prima serie  il brand appare in scena per la sua coerenza con la cultura popolare spagnola tipica della produzione. Dal product placement all’edizione speciale di bottiglie a tema il passo è stato breve, e nel 2021 l’azienda ha messo sul mercato 85 milioni di bottiglie celebrative della quarta serie.

Questa volta una felice integrazione tra product placement, comunicazione e licensing ha creato un’occasione mediatica forte ed efficace, tutta giocata tra realtà e finzione.

Durante “las campanadas”, trasmissione di Antena 3 che da anni segna il countdown da Puerta del Sol per tutto il pubblico spagnolo, l’influencer – presentatrice Cristina Pedroche rivela che un gioello della sua tiara indossata per la serata è stato rubato durante il brindisi. Successivamente, un video pubblicitario lanciato sia in tv che sui social, svela il colpevole: Pedro Alonso, attore che nella serie impersona Berlino, è travestito da cameriere nel backstage dell’evento in Puerta del Sol, estrae da un secchiello ghiacciato pieno di bottiglie Estrella Galicia il gioiello appena “rubato”.

La campagna prosegue nei giorni successivi, con nuovi soggetti che continuano lo scambio tra fiction e realtà, e comprendono gli altri attori, come Bruce nei panni di un magazziniere Estrella Galicia che avverte Berlino che stanno partendo in consegna milioni di bottiglie Estrella Galicia con la sua faccia sull’etichetta. Queste sono reali: una tiratura di 40 milioni con etichetta realizzata da un’artista spagnola, è in corso di distribuzione in Spagna e in altri 30 territori, nel canale Horeca e mass market.

La serie Berlino ha raggiunto di 11,3 milioni di CVE (stima di spettatori di Netflix) nei primi 3 giorni dal lancio, migliore performance di lancio da quando Netflix ha iniziato a rivelare i propri dati.