Reportage MIDO Eyewear: il fashion licensing rimane il riferimento

Un pur breve sopralluogo a MIDO, l’evento globale che raccoglie gli operatori dell’eyewear, ci ha riportato dedisamente al modello di licensing classico.

Sebbene alcuni dei player del lusso come Kering o Philipp Plein stiano riportando il business dell’occhiale a sviluppo e gestione commerciale interni, questo mercato è fortemente influenzato dalle licenze fashion e lifestyle; non solo presso le grandi multinazionali come Luxottica, Marcolin, Marchon, Safilo e De Rigo, ma in aziende di qualsiasi dimensione e territorio.

Mentre i soliti grandi nomi come Dior, Fendi, Tom Ford, Emilio Pucci, Dolce & Gabba, Karl Lagerfeld continuano ad occupare le linee del fronte, marchi come Aston Martin, Crocs, Ines de la Fressange, Momo Design e Blauer sono tra i brand che più ci hanno colpito.

Il modello delle collaborazioni si sta facendo largo anche qui: tra i casi più interessanti segnaliamo Italian Independent con Rossignol (oltre ad Adidas e Hublot già presentate gli anni scorsi), una collezione in tiratura limitata dedicata da Lacoste al campione Djokovic da Marchon, e la linea ill.i by will.i.am da AVM 1959, con il contributo stilistico conferito direttamente dall’artista.

Per quanto riguarda la brand extension, Philipp Plein propone una nuova linea di caschi e occhiali da sci in puro mood bling-bling, mentre Carrera sviluppa una segmentazione in tre linee per affascinare nuovi consumatori.

Potete vedere la nostra galleria cliccando qui

About Paolo Lucci

Branding and licensing specialist, Brand Jam's founder and heartful promoter.