The Rodnik Band e Chupa Chups: cobranding pop surrealista

ChupaChupsByRodnik-(3)

“Minestra in scatola? No, il lolly Pop è il simbolo definitivo del POP” sostiene Philip Colbert, direttore creativo e padre di The Rodnik Band, a proposito della sua ultima collaborazione con Chupa Chups, il lecca lecca più famoso del mondo.

Influenzato dal surrealismo e dalla pop art, da Dalì a Oldenburg, Colbert ha creato un concetto artistico nuovo sotto l’egida di un marchio che include arte, moda, musica e design. “Un capo d’abbigliamento è uno dei mezzi potenzialmente più democratici esistenti; indossare un abito è come diventare una scultura vivente”, dice. E di sculture viventi ne ha sempre trovate di eccellenti, a partire da Cara Delevigne, Karl Lagerfeld, Anna Piaggi, Lady Gaga o Rita Ora.

Le collezioni The Rodnik Band sono distribuite in tutto il mondo in vetrine come Selfridges, Colette, Urban Outfitters, Galeries Lafayette, Maxfield, con collaborazioni che spaziano da Snoopy a Mickey, a brand come Miss Sixty e Smart, o retailer come MADE.

Al centro della collaborazione Chupa Chups x The Rodnik Band c’è una speciale mostra d’arte e una sfilata d’eccezione, incentrata sulla commemorazione del creatore del logo Chupa Chups: Salvador Dalì.

La collezione ready-to-wear, completa di accessori, è un florilegio di colori, ispirati all’energia artistica del brand lollipop. The Rodnik Brand ha inoltre creato per Chupa Chups lo stand a Brand Licensing Europe, luogo deputato al lancio del progetto, in maniera oltremodo artistica: un viaggio nel surrealismo tra sculture opere d’arte pop e “la prima sfilata di moda su una lingua”, sfilata in cui la collezione viene presentata all’interno dell’evento europeo di licensing.
Le opere saranno disponibili successivamente per progetti di licensing in collaborazione.

Avatar

About Paolo Lucci

Branding and licensing specialist, Brand Jam's founder and heartful promoter.