WGSN: per il 2020 i brand mettano al centro le collaborazioni

Walpole WGSN LinkedIn

L’agenzia di ricerca di trend e forecasting WGSN ha pubblicato un’interessante studio che rivela come e perché le “collaborations” diventeranno la priorità principale per i brand di lusso inglesi nelle prossime stagioni.

Tra i dati principali del report emerge che il 78% dei brand intervistati identificano nelle collaborazioni il traino principale per la crescita.

“Le collaborazioni costituiscono la tattica di marketing più rilevante per unire le esperienze di brand online e offline”

WGSN descrive un mondo “phygital”, dove la simbiosi tra esperienza digitale e fisica è un’opportunità (o una necessità) assolutamente decisiva. E se da una parte lo studio sottolinea che non c’è nulla di nuovo riguardo alle collaborazioni creative a livello artistico o di prodotto, dall’altra illustra come le opportunità addizionali che il digitale offre ai brand in questo momento storico siano sbalorditive.

Lo studio è stato commissionato da Walpole – l’associazione del lusso paragonabile alla nostra Fondazione Altagamma o alla piattaforma francese Comité Colbert. I 175 membri dell’associazione costituiscono praticamente il gotha della manifattura, del retail, e dei servizi del lusso inglese, con nomi come Alexander McQueen, Smythson e Bentley.

Lo studio definisce come imperativo per i brand la necessità di posizionarsi come promotori di esperienze esclusive. “Per molto tempo i brand hanno cercato di indurre il consumatore a comprare qualcosa; ora è tempo di ispirare a ESSERE qualcosa”.

I risultati dello studio costituiscono quindi un pungolo per la responsabilità dei brand a coinvolgere e sorprendere il consumatore contemporaneo, il cui desiderio principale di essere trattato come individuo spazia dai millennials alla Generazione Z; e soprattutto incoraggiano i brand a “ricercare partner [per collaborazioni] che non solo aumentino il proprio valore, ma li spingano al di fuori della comfort zone”

“la Co-creazione cambia l’investimento emotivo del consumatore verso il prodotto”

 Il futuro delle collaborazioni è quindi estremamente positivo, ma WGSN ricorda la necessità di creare rilevanza ed esclusività, e per un successo del ciclo di fusione suggerisce partnership di lungo periodo e consistenti.

Anche altri fattori funzionali alla creazione di engagement hanno ottenuto risultati elevati nell’indagine, e riguardano sempre collaborazioni o altre piattaforme di innovazione di brand guidate dal prodotto.

E’ forse Robert Ettinger, eminenza della pelletteria inglese e membro Walpole, a descrivere meglio questo nuovo paradigma: “Ciò che è veramente importante è dare al consumatore la sensazione di essere in connessione con qualcosa di speciale”.

Per scaricare lo studio WGSN potete cliccare qui
WGSN Cover

Gavin Brown

About Gavin Brown

Founder of brand innovation agency, Crescendo Brands...providing research, insights, creativity and leads to brands in need of remarkable products.